L'editoriale del 13 aprile

Nuove prospettive

 

L’annuncio del buon risultato nanziario del Cantone conferma che la rotta intrapresa dalla politica e in particolare dal direttore del Dipartimento delle nanze e dell’economia Christian Vitta è quella giusta. La spesa corrente è tornata in equilibrio prima del previsto grazie a fattori esterni imprevedibili quali le entrate straordinarie per la ripartizione degli utili della Banca Nazionale, un gettito fiscale in crescita e gli imprevedibili sequestri del Ministero pubblico. In parallelo il pacchetto di risparmi approvato da governo e parlamento ha portato al contenimento delle uscite. Ma rimane un importante capitale proprio negativo (400 milioni) e un debito a pubblico a 2 miliardi di franchi. Per questo motivo il piano di navigazione non va cambiato. Si dovrà evitare che l’ultimo anno elettorale risvegli antichi appetiti per nuovi aumenti strutturali della spesa corrente. Diverso invece il discorso per gli investimenti che possono e devono conoscere un’impostazione più coraggiosa. Si può e deve fare di più. Al governo chiediamo di identificare e sostenere investimenti strategici inseriti in una prospettiva di crescita e di sviluppo del Cantone. Alcuni esempi? Nella realizzazione di nuove e importanti infrastrutture per la mobilità si tenga conto di possibili iniziative imprenditoriali e delle aree di sviluppo per nuovi insediamenti e la creazione di posti di lavoro. Si lavori con l’economia, non contro, a favore della crescita del Paese. Così come nelle condizioni quadro si concretizzi rapidamente l’accesso alla banda larga grazie alla fibra ottica e al passaggio alla tecnologia 5G ciò che faciliterebbe anche la residenza nelle nostre Valli. La crescita economica sostenibile e di qualità è la vera risposta ai bisogni dei ticinesi di oggi e di domani. Non slogan ma azioni concrete per amore del Ticino.

Bixio Caprara, presidente PLRT