Parità di genere nel linguaggio burocratico

INTERROGAZIONE

Come noto ricorrono quest’anno i 50 anni dalla concessione alle donne del diritto di voto in Ticino. Certo si è fatto molto - e in vari ambiti - per modificare la mentalità e tendere a raggiungere la parità di genere nei diritti politici, in quelli salariali e legali tra uomini e donne.

Come noto ricorrono quest’anno i 50 anni dalla concessione alle donne del diritto di voto in Ticino.

Certo si è fatto molto - e in vari ambiti - per modificare la mentalità e tendere a raggiungere la parità di genere nei diritti politici, in quelli salariali e legali tra uomini e donne.

La Federazione Associazioni Femminili Ticino Plus (FAFTPlus) - che ha, tra altri scopi, quelli di rappresentare gli interessi delle donne di fronte alle istituzioni politiche e studiare i problemi inerenti alla condizione della donna nella vita pubblica, privata, professionale, economica e sociale, per contribuire a migliorarla - ha elaborato già nella passata legislatura e sta elaborando anche per quella 2019-2023 una sua “Agenda Politica 54” delle Donne elettrici con diverse proposte concrete e di varia portata.

Nell’ambito della parità tra uomo e donna si può sempre migliorare e ottimizzare, con attenzione e sensibilità, talvolta a costo zero, anche in piccole cose come ad esempio nel linguaggio legale e/o nella prassi burocratica.

In questo senso l’Agenda politica 54 chiede che si passi all’adozione, sistematica e a 360 gradi, di un linguaggio amministrativo non sessista. Ad esempio, si dovrebbe poter superare il concetto di “capofamiglia” automaticamente attribuito all’uomo negli atti/attestati di Stato civile benché gli art. 331, 332 e 333 del Codice civile svizzero non prevedano espressamente che tale ruolo spetti all’uomo. Oppure nella prassi notarile (pubblici ufficiali) trasmessi agli uffici dei registri fondiari e di commercio capita ancora che i dati personali delle donne vengano registrati come “figlia di” seguita dal solo nome del padre (di/fu) e non anche della madre oppure come “moglie di” invece che semplicemente “coniugata” allorquando nei dati dell’uomo si indica “coniugato” e non “marito di”. Altro esempio, nel sito: https://www4.ti.ch/poteri/gc/parlamento/composizione-del-parlamento/composizione-attuale/ le deputate ad esempio vengono indicate tuttora con il termine maschile “deputato”.

In questo senso si è mossa ad esempio l’Académie française che proprio recentemente ha deciso di procedere ad un cambio concettuale storico acconsentendo a che i mestieri delle donne cambino declinazione dopo che per anni, in particolare per le professioni legate a una forma di potere – prefetto, deputato, professore, … - si era inteso lasciarle al maschile sebbene praticate da donne. Pertanto, d’ora innanzi sono state autorizzate linguisticamente le professioni o funzioni di: capa, pretora, pompiera, ingegnera, avvocata, notaia, procuratrice pubblica, ministra, … 

È verosimile che nella nostra prassi burocratico amministrativa vi siano ancora altri esempi di queste disparità.

Ciò premesso, si chiede al Consiglio di Stato:

  1. Se condivide la necessità o opportunità di eliminare queste e altre denominazioni legali o amministrative sessiste che si dovessero riscontrare ancora nelle attività dello Stato?
  2. Se intende quindi dare incarico ai vari Servizi dell’amministrazione di verificare e correggere al loro interno la terminologia e la modulistica nel senso auspicato dal presente atto parlamentare dandone riscontro al Parlamento entro il 31.12.2019?
  3. Se ritiene di dover e poter proporre alla Confederazione le modifiche legislative o di prassi di sua competenza necessarie o anche solo opportune ad eliminare questa disparità di “genere” nel linguaggio laddove ancora sussista?

Matteo Quadranti, granconsigliere PLR (seguono altri 5 firmatari)

Atti parlamentari

INTERROGAZIONE

Nell’edizione di sabato 1 giugno 2019 del Corriere del Ticino è stato pubblicato un articolo dal titolo “Officine – Terreni agricoli persi – L’opzione più calda è Biasca”. Dal testo emerge in maniera chiara che dal lavoro di ricerca di fondi idonei per il compenso reale dei terreni agrigoli SAC sacrificati ad Arbedo-Castione per il nuovo stabilimento industriale delle Officine, le FFS abbiano individuato nel territorio del Comune di Biasca circa 60'000 m2 degli 80'000 m2 necessari.

Leggi tutto

INTERROGAZIONE

Il Consiglio federale nella sua seduta del 3 luglio 2019, in linea con la Strategia energetica federale2050, ha adottato il pacchetto per la riduzione delle emissioni di gas serra dell'Amministrazione federale (cfr. per i dettagli il comunicato stampa:  https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale/documentazione/comunicati-stampa.msg-id-75697.html ). Il pacchetto prescrive l'orientamento per ulteriori misure sul traffico aereo, il parco veicoli e il settore degli edifici.

Leggi tutto

INTERROGAZIONE

Lo scorso 9 maggio 2019 il Consigliere nazionale Giovanni Merlini ha presentato l’interpellanza “Riorganizzazione in seno all'AFD - Amministrazione Federale delle Dogane e cittadinanza”, a seguito di alcune preoccupazioni insorte con l’avvio dal 1° gennaio 2018 del progetto denominato DaziT. Una riforma i cui effetti si ripercuotono anche sulle Guardie di confine attive in Ticino, da sempre fondamentali - vista l’esposizione dei confini ticinesi - nel controllo del grande traffico di persone e merci sull’asse nord-sud.

Leggi tutto