Strada cantonale PT 406 – Un piano B per Locarnese e Gambarogno

MOZIONE

Le discussioni in Gran Consiglio sullo stanziamento di un credito di CHF 3.3 Mio per la realizzazione delle opere di semaforizzazione sulla strada cantonale PT 406 nei comuni di Cadenazzo e Gambarogno sono state molto accese.

Le discussioni in Gran Consiglio sullo stanziamento di un credito di CHF 3.3 Mio per la realizzazione delle opere di semaforizzazione sulla strada cantonale PT 406 nei comuni di Cadenazzo e Gambarogno sono state molto accese. Tutti sono coscienti che la tratta in questione è problematica e che fino a quando non verrà realizzato il tanto atteso collegamento A2-A13 il Locarnese ed il Gambarogno rimarranno pesantemente svantaggiati dal punto di vista della raggiungibilità. Va quindi trovata una soluzione immediata per migliorare la situazione. È ciò che propone la mozione di Graziano Crugnola, firmata anche da Pini, Garzoli, Pellanda e Terraneo.

La soluzione proposta dal Consiglio di Stato non ha ottenuto il necessario consenso perché ritenuta lacunosa o non sufficientemente approfondita. Da qui, con la presente mozione, nasce una proposta alternativa di approfondimento rivolta al Consiglio di Stato. Non si realizzassero misure di gestione del traffico la situazione non potrà che peggiorare a fronte del costante incremento del traffico veicolare fino all’orizzonte 2030. L’intervento proposto nella presente mozione tiene conto delle importanti necessità espresse dai Comuni direttamente coinvolti e rappresenta una via di mezzo, un piano B, tra la soluzione proposta dal lodevole Consiglio di Stato e lo statu quo (che in sostanza nessuno auspica).

In concreto, si chiede di approfondire la soluzione che prevede la posa di semafori provvisori alle entrate laterali delle attuali rotonde di Quartino-Luserte, Contone Ovest, Contone est e Cadenazzo FFS così come l’introduzione di un semaforo di dosaggio all’innesto dalla via Monte Ceneri sulla rotonda di Cadenazzo-Centro. Ciò senza alcun intervento sulle infrastrutture esistenti. In regime di traffico “normale” (quindi non sovraccaricato) i semafori sono spenti ed il traffico si regola da solo. 

La presente soluzione non ha evidentemente la pretesa di aver esaurientemente analizzato gli aspetti tecnici, legislativi e di rispetto di normative vigenti in materia di traffico. Tuttavia, riteniamo che sia una via percorribile e da approfondire ulteriormente da parte del gruppo di lavoro composto dal DT, dalla Commissione intercomunale dei trasporti del Locarnese e Vallemaggia (CIT) e dai comuni di Cadenazzo e Gambarogno, per mettere in opera celermente le tanto auspicate misure a costi molto ridotti. 

Il Locarnese ed il Gambarogno ne hanno bisogno!

Graziano Crugnola, granconsigliere PLR

Atti parlamentari

INTERROGAZIONE

Per tutte le professioni parabancarie del Canton Ticino il 1° gennaio 2020 rappresenta una data epocale: entreranno in vigore due nuove leggi federali finanziarie, la legge federale sugli istituti finanziari e la legge federale sui servizi finanziari che si applicheranno non solo alle banche, ma in generale a tutto il settore finanziario. Le relative ordinanze di applicazione sono già state messe in consultazione e centinaia di intermediari finanziari attivi nel cantone Ticino hanno iniziato a studiarle per essere pronti al momento dell’entrata in vigore.

Leggi tutto

MOZIONE

La Svizzera attira molte società grazie alle sue condizioni quadro favorevoli: pressione fiscale competitiva, quadro giuridico stabile e amministrazione pubblica efficiente, burocrazia limitata, ecc. Un fenomeno che ha portato sviluppo economico e benessere a tutto il Cantone. Se è vero che la maggior parte delle imprese si comporta correttamente, e che eventuali fallimenti sono da ascrivere al normale rischio imprenditoriale, è altrettanto vero che nella lotta alle mele marce deve essere messo in campo uno sforzo coordinato ed efficace, questo a tutela proprio di tutti gli imprenditori onesti.

Leggi tutto

INTERPELLANZA

L’episodio dello “stabile del degrado” venuto alla luce settimana scorsa a Pregassona pone numerosi interrogativi sulla gestione degli appartamenti dove alloggiano i beneficiari dell’assistenza pubblica.

Leggi tutto