Qual è il piano B nel caso in cui l’UE non riconoscesse l’equivalenza della borsa svizzera?

INTERPELLANZA - CONSIGLIO NAZIONALE

Il Consigliere nazionale Giovanni Merlini (PLR) ha interpellato il Consiglio federale sui contenuti concreti del piano B – annunciato lo scorso mese di giugno – nel caso in cui la Commissione europea non riconoscesse sine die l’equivalenza delle regole borsistiche elvetiche con quelle comunitarie.

Il Consigliere nazionale Giovanni Merlini (PLR) ha interpellato il Consiglio federale sui contenuti concreti del piano B – annunciato lo scorso mese di giugno – nel caso in cui la Commissione europea non riconoscesse sine die l’equivalenza delle regole borsistiche elvetiche con quelle comunitarie. Nel caso in cui questa non dovesse essere riconosciuta, si chiede se il Consiglio federale sia pronto a segnalare all’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) la manifesta violazione degli impegni multilaterali in tema di commercio internazionale, avviando la relativa procedura contenziosa, e se è disposto ad abolire l’imposta di bollo, a tutto vantaggio della competitività della piazza economica svizzera.

L’art. 23 della nuova regolamentazione europea sui mercati finanziari (MiFIR) obbliga le società di investimento europee a negoziare effetti finanziari su una piazza dell’UE o su una equivalente di un Paese terzo. Senza il riconoscimento dell’equivalenza – che riguarda la maggior parte dei valori quotati alla borsa di Zurigo – gli investitori istituzionali e privati in Europa si vedrebbero esclusi dal mercato elvetico a partire dal 1. gennaio 2019. La MiFR non riguarda invece gli operatori svizzeri, i quali potranno continuare a negoziare sulle piazze europee. Secondo il portavoce del SIX Group, le conseguenze effettive di una decisione negativa sull’equivalenza borsistica restano comunque difficili da valutare.

Per questi motivi, si pongono le seguenti domande al Consiglio federale:

1. Il Consiglio federale ha deciso di adottare un piano B nel caso in cui la Commissione europea non riconoscesse sine die, entro la fine del prossimo mese di novembre, l'equivalenza delle regole borsistiche elvetiche con quelle comunitarie. Tale piano B consiste sempre ancora nell'obbligo che verrebbe imposto alle piazze finanziarie europee di richiedere alla FINMA l'autorizzazione a negoziare titoli emessi da aziende svizzere?

2. Il regime autorizzativo verrebbe stabilito dalla pertinente Ordinanza del CF, con effetto a decorrere dal 1. dicembre 2018?

3. Il piano B comprende anche, a medio termine, la ventilata abolizione dell'imposta di bollo sull'emissione di titoli, a vantaggio della competitività della piazza finanziaria elvetica?

4. L'anticipazione del licenziamento del messaggio del Consiglio federale del già annunciato contributo di coesione di 1,302 miliardi di franchi, destinato alla riduzione delle disparità economiche tra gli Stati membri dell'UE, potrebbe propiziare una decisione favorevole della Commissione europea in materia di equivalenza borsistica?

5. Se il riconoscimento dell'equivalenza borsistica sine die non giungesse nel termine utile, è pronto il Consiglio federale a sottoporre la decisione della Commissione europea che discrimina la Svizzera rispetto ad altri Stati terzi (USA, Australia, ecc.) all'esame degli organi competenti dell'Organizzazione mondiale del commercio (OMC), avviando la relativa procedura contenziosa per manifesta violazione degli impegni multilaterali in tema di commercio internazionale?

Con questo atto parlamentare Giovanni Merlini – coerentemente con l’obiettivo di promuovere la competitività della nostra piazza finanziaria – mantiene alta la pressione sul Consiglio federale affinché eviti scaltri colpi bassi da parte dei nostri partner internazionali.

 

Atti parlamentari

MOZIONE 

In treno, in bus o in auto poco importa, spostarsi al lavoro o a scuola in alcuni orari – specie al mattino tra le 7.00 e le 8.00 – risulta essere problematico: auto in colonna, lavoratori in piedi sul treno e perfino studenti che non riescono a salire sul bus. Oltre a sostenere e incentivare la flessibilità del lavoro da parte di datori di lavoro pubblici e privati, occorre anche puntare su un’ottimizzazione della mobilità scolastica, in particolare attraverso un adeguamento e soprattutto una differenziazione degli orari scolastici con l’intento di alleggerire il carico di utenti nelle ore di punta, permettendo così di poter usufruire più comodamente dei mezzi pubblici, come anche di diluire il traffico privato.

Leggi tutto

MOZIONE

Correva l’estate del 2014 quando il PLRT ha consegnato una petizione di oltre 10'000 firme (diecimila!) per chiedere la disdetta unilaterale dell'accordo sui frontalieri con l'Italia, ormai risalente al 1974. L’allora Consigliera federale Eveline Widmer-Schlumpf, il 3 giugno 2014, si era impegnata a concludere un'intesa entro metà 2015, spiegando che se i negoziati fossero falliti sarebbe stata pronta ad attuare misure unilaterali come la disdetta degli accordi settoriali con l'Italia, tra cui quello che prevede che il Canton Ticino riversi il 38,8% dell'imposta alla fonte dei frontalieri allo Stato italiano (nel 2017 oltre 80 mio di franchi).

Leggi tutto

INTERROGAZIONE

Il 1° gennaio 2020 entreranno in vigore un paio di leggi federali in ambito finanziario (400 e oltre articoli con tanto di regolamenti e ordinanze che dovranno accompagnarle). Per una buona fetta della nostra economia cantonale (gettito e posti di lavoro) non sono e non saranno una passeggiata. Mi riferisco alla legge federale sui servizi finanziari (LSerFi) e a quella sugli Istituti finanziari (LISFI) che hanno quali conseguenze che decadono, o meglio devono decadere per priorità del diritto superiore, le norme cantonali che disciplinano ancora tali ambiti.

Leggi tutto